Borghi medioevali della Val di Cornia sulla Costa Etrusca

TERRITORIO DELLA VAL DI CORNIA E DELLA COSTA DEGLI ETRUSCHI

I colori e profumi della Toscana si accompagnano, nella Costa degli Etruschi, alle luci ed agli aromi del Mediterraneo.
Insegnamenti etruschi, un mare limpido, borghi medievali, parchi ed oasi protette rendono unica questa terra di Toscana. Qui, dove ogni stagione dell’anno ha la sua struggente bellezza, si può scegliere: il mare, prima di tutto, orlato su lunghe spiagge che confinano con pinete ombrose e da scogliere intagliate dal vento e dalle onde. 

Un ambiente incredibilmente ricco custodisce oasi botaniche, rifugi faunistici, boschi e folte pinete. La campagna è attraversata da una prestigiosa Strada del Vino, costellata da vigne nobili e da olivi d’argento. È tra mare e natura si snoda il magico percorso che porta a scoprire i tesori architettonici, di cultura e di arte, patrimonio di questa terra. La civiltà etrusca ha lasciato testimonianze importanti, tra le quali l’unica necropoli costruita di fronte al mare nei pressi del Golfo di Baratti e Castello di Populonia

Dolcemente adagiate tra il mare e le colline, o immersi nella campagna, i borghi medioevali della Costa degli Etruschi hanno il dono di far rivivere il tempo passato. 
Campiglia Marittima, Suvereto, Bolgheri, Massa Marittima hanno viuzze lastricate e chiese raccolte, musei e palazzi turriti. Un itinerario un po’ fiabesco rivela castelli, pievi, piccoli teatri storici, chiostri e ville nascoste in verde dove si svolgono ogni estate concerti e spettacoli.

IL PARCO ARCHEOMINERARIO DI SAN SILVESTRO

Situato alle spalle di Campiglia Marittima e del promontorio di Piombino, il parco si estende su un’area di circa 450 ettari. I percorsi di visita si snodano tra musei, gallerie minerarie, un borgo medioevale di minatori e fonditori fondato circa mille anni fa, e sentieri di interesse storico, archeologico, geologico e naturalistico.

PARCO ARCHEOLOGICO DI BARATTI E POPULONIA

Si estende tra le pendici del promontorio di Piombino ed il Golfo di Baratti, dove sorgeva la città etrusca e romana di Populonia, nota fin dall’antichità per l’intensa attività metallurgica legata alla produzione del ferro. Dalla primavera 2007 il parco include non solo le necropoli e gli edifici industriali fino ad oggi visitabili, ma anche l’Acropoli di Populonia con i suoi templi e gli edifici termali ed il monastero medievale di San Quirico. All’interno del parco, nel Centro di Archeologia sperimentale, adulti e ragazzi possono scoprire le antiche tecniche di lavorazione della pietra e della ceramica.

MUSEO ETRUSCO GASPARRI 
Creato nel 1959, questo museo mette in mostra la galleria privata della famiglia Gasparri, messa insieme agli inizi del ventesimo secolo con reperti provenienti dalla necropoli Etrusca di Baratti e dalla Necropoli Villanova di Poggio alle Granate. Più di 2000 articoli, incluso ceramiche Etrusche ed importate: Etruschi, campani e vasi Attici, Candelabri etruschi in acciaio e piombo, brocche, lavoro in bucchero (nera ceramica etrusca) e fibule.

MUSEO ARCHEOMINERARIO DEL TERRITORIO DI POPULONIA

Situato nel centro storico di Piombino, di fronte al mare, rappresenta il naturale completamento alla visita del Parco di Baratti. Attraverso suggestive ricostruzioni dei paesaggi, delle attività e degli ambienti antichi, sono illustrate le trasformazioni del promontorio di Populonia, dalla preistoria all’età moderna.